Home

La Riconciliazione si realizza insieme!

la Riconciliazione si realizza insiemeEvento 2016 “Të lidhim besen për… pajtim!”

1 evento per 3 città: la Riconciliazione si realizza insieme!
3 città, 3 date, 3 giorni. 1 Riconciliazione

Presentazione

L’evento di sensibilizzazione “Të lidhim besën për… pajtim!” nasce con il desiderio di risvegliare il senso di comunità in tutta l’Albania, legando simbolicamente il nord (Scutari), il centro (Tirana) e il sud (Valona) del Paese. (altro…)

Express: Express: Quando la vendetta finisce in perdono!

fokusDue notti fa, nel villaggio di Korotiza di Drenas, un’automobile con una targa albanese ha colpito tre pedoni. Come conseguenza, uno di essi, identificato come Bujar Ballaku di Drenas, ha perso la vita. Ieri la famiglia Bullaku ha accompagnato nell’ultimo viaggio il proprio figlio, mentre durante il funerale del defunto la famiglia Bullaku ha compiuto un gesto davvero di grande valore. Ha perdonato l’omicidio del ragazzo della loro famiglia da parte dell’autore dell’incidente, il quale si è appreso essere di Tropoja. (altro…)

Operazione Colomba apprezza la relazione del Parlamento europeo sui progressi dell’Albania

Europarl_logo.svgOperazione Colomba apprezza la relazione del Parlamento europeo sui progressi dell’Albania per l’ingresso nell’Unione europea del 3 febbraio 2017.
In particolare, condivide le critiche al funzionamento del sistema giudiziario, “compresa la mancanza di indipendenza dalle influenze politiche e da altri rami del potere, la giustizia selettiva, la limitata responsabilità, gli inefficaci meccanismi di vigilanza, la corruzione, la durata complessiva dei procedimenti giudiziari e l’esecuzione delle sentenze”. La giustizia sommaria, e con essa le vendette di sangue, riemergono laddove la giustizia statale non è effettiva.
Inoltre Operazione Colomba si unisce alle raccomandazioni nei confronti delle istituzioni statali, perché si realizzi una riforma del sistema di giustizia penale, che miri “a considerare responsabili i criminali e a promuoverne la riabilitazione e la reintegrazione, garantendo al tempo stesso la protezione dei diritti delle vittime e dei testimoni dei reati”.