Cullato dalla fresca e quieta atmosfera notturna, mi godo la luce magica della Luna piena, che accompagna i nostri cuori e le nostre speranze rendendo l’atmosfera ancor più affascinante e suggestiva.
Tutti insieme, ci accingiamo a dormire sdraiati sul tetto della nostra piccola casa: chi legge, chi scrive due righe per non dimenticare questi momenti di condivisione, veniamo avvolti dalla spensieratezza e dalla gioia di questa sera di festa.
Si respira, è nell’aria la voglia di non mollare e continuare a lottare uniti una volta per tutti, nonostante i rischi e gli imprevisti.
Ripenso alla serata appena trascorsa a Susya, dove N., palestinese, e G., israeliano, hanno voluto celebrare la chiusura delle loro ingiuste vicende legali, uniti, comunità palestinese e comunità israeliana accomunate dalla voglia di non piegarsi, di alzare la testa, essendo consapevoli di quanto ciò possa essere rischioso e possa intaccare la tranquillità delle loro vite.

Leggi tutto...

"Due bulldozers, in direzione di Jinba".
In macchina, si va.
È il caos. Figure che corrono, urla, strattoni, spinte.
"Riprendi".
"Ma cosa fanno?".
Altre voci, distanti. Una donna, piange, disperata, inconsolabile.
"Andiamo".
Ti spingono, tutti si girano, di corsa di nuovo, stanno picchiando un ragazzo. Lo portano via, camionetta, lo sportello si chiude. "Dobbiamo fermarli, non possono".
Un altro cordone, spingono. Indietreggiamo.
Zzzz, è il drone, sopra di noi. Ci riprende, scende, ci viene di fronte, vicino. Ci segue.
Rumori di lamiera che va in frantumi, di acqua che scroscia.

Leggi tutto...

Il 10 Marzo all ore 11.00 del mattino, un gruppo di 30 coloni armati proveniente dall’avamposto israeliano illegale di Havat Ma’on ha fatto irruzione nel villaggio palestinese di At-Tuwani.
Un numero consistente (più di 20) di soldati e poliziotti israeliani si sono presentati sul posto, il loro intervento però si è rivolto unilateralmente a favore dei coloni israeliani i quali sono rimasti all’interno del villaggio per ore.
In risposta a tale atto violento i palestinesi del villaggio supportati da attivisti israeliani e internazionali hanno cercato di respingere l’attacco ingiustificato e di difendere le proprie case. A tale azione di resistenza popolare nonviolenta hanno partecipato anche donne e bambini.

Leggi tutto...

Le stelle non tradiscono mai e il cielo è sempre uno spettacolo qui.
Questa sera a Sarura i colori aranciati della luna dominano lo spazio, accompagnati dall’immensità del Grande Carro.
Seduto accanto a me A. è intento ad accendere il fuoco, cercando di ridar vita a ciocchi di legno e brace.
Finalmente la fiamma rianima la natura morta ai nostri piedi, A., soddisfatto, si volta verso di me e sorridendo mi dice: “Vedi sono le cose nelle quali metti tutto te stesso e nelle quali investi energie che alla fine ti danno maggiori soddisfazioni”.
Annuisco rispondendo al suo sorriso.
Il fuoco ora trasmette il proprio calore anche a noi.
Mi volto verso di lui e inizio a chiedergli come facciano a essere così pacifici e pieni di energia, così empatici con noi e con il mondo, nonostante il loro sia logorato da un conflitto che sta tentando di annullare la loro vita e la loro libertà.
Io sono qui solamente da un mese e spesso la rabbia ha preso il sopravvento sulle altre emozioni.

Leggi tutto...