Dalla C.d.P.: appoggio incondizionato ad una Zona Umanitaria per i profughi siriani

Dalla nostra dolorosa esperienza di sfollati, ritornati e perseguitati da parte del nostro stesso governo e Stato, solidarizziamo in modo radicale con la Proposta realizzata dai rifugiati siriani che cerca di stabilire una Zona Umanitaria in Siria, vicino alla frontiera con il Libano, per permettere ai rifugiati siriani in Libano il ritorno nella propria Patria accompagnati da Organizzazioni Umanitarie Internazionali.

La nostra Comunità di Pace di San José de Apartadò, in Colombia, è stata fondata per la necessità di dare una risposta alla grave crisi umanitaria e di sfollamento forzato di cui è stata vittima la popolazione negli anni precedenti al 1997.

Prima di tutto c’è stata la scelta, presa da centinaia di persone, di non essere coinvolti nella guerra e di non permettere ai vari attori armati del conflitto di manipolare la nostra posizione, considerandoci militanti di uno o dell’altro lato, secondo i loro interessi. Nonostante la violenza che ci ha assediato in questi 21 anni, siamo riusciti a creare una comunità solidale che si è fatta via via riconoscere come una comunità indipendente, senza armi, che cerca di costruire dalla base una fondamentale autonomia.

In questa nostra esperienza l’accompagnamento internazionale è stato molto importante. Siamo convinti che questo accompagnamento abbia salvato molte vite e abbia frenato molte politiche di repressione del nostro governo, dato che la forza più umiliante in questo conflitto che viviamo in Colombia, è la forza statale con il suo esercito, polizia e, soprattutto, con le strutture paramilitari che sono forze illegali ma appoggiate e sostenute dalla forza pubblica ufficiale, disegnate proprio per poter violare tutte le leggi della guerra, con una crudeltà impressionante, allo scopo di distruggere tutti i movimenti sociali che cercano giustizia.

La causa del popolo siriano, come la causa di tutti coloro che cercano di costruire una società più giusta ed egualitaria, è la causa di tutti coloro che sono veramente umani. Per loro, come Comunità di Pace, facciamo nostra la Proposta di stabilire una Zona Umanitaria, protetta dall’accompagnamento internazionale dato che con piena legittimità, siamo anche noi, essere umani del mondo, parte di questa Proposta.

Con solidarietà.

Comunità di Pace di San José de Apartadò, Colombia
27 giugno 2018