Conflitto, imprese e strategie di resistenza

Difficile riassumere la miriade di incontri, persone e realtà in resistenza che si sono susseguiti nei tre giorni del V Foro della Nonviolenza nel Quindìo. Il titolo scelto per l'evento, svoltosi dal 27 al 29 marzo, tra l'incantevole cittadina cafetera di Pijao e la più vivace Armenia: “Conflitti socio-ambientali, buon vivere, riconciliazione e post-conflitto”.

Leggi tutto...

Difensori dei difensori dei Diritti Umani, anche l'esperienza di Operazione Colomba nel Quindìo

L'ultima giornata del Foro nel Quindìo, ha visto lo svolgimento di quattro pannelli tematici particolarmente stimolanti per chi si interessa di conflitto, nonviolenza e riconciliazione.
I titoli:

  • Patriarcato, genere, diversità e pace;
  • Memoria, resilienza e riconciliazione;
  • Guerra, resistenza, autonomia e ricostruzione comunitaria del tessuto sociale;
  • Difensori dei difensori dei Diritti Umani.
Leggi tutto...

Il 23 marzo la Comunità di Pace di San Josè di Apartadò ha celebrato i 20 anni dalla sua fondazione. Una giornata importante e molto intensa in cui sono giunti in Comunità i rappresentanti di diverse Ambasciate Europee (Norvegia, Svizzera, Francia, Germania, Belgio, Unione Europea), e per la prima volta l'Ambasciatrice italiana Caterina Bertolini che durante il suo intervento ha ringraziato i volontari di Operazione Colomba per il loro lavoro e per “essere ponte”.

Leggi tutto...

Sottoscrivete l'appello del nostro partner colombiano Sembrando Paz!

L'Associazione colombiana Sembrando Paz ha lanciato un Appello per assicurare la sicurezza dei volontari internazionali di #OperazioneColomba e garantire l’attività di accompagnamento dei membri della Comunità di Pace di San José de Apartadó, Colombia.
“Secondo fonti attendibili” si legge nell'appello, “membri delle Forze Armate in Urabá hanno aperto un’indagine" che potrebbe arrivare a mettere in discussione anche la presenza stessa di Operazione Colomba nel Paese.

Leggi tutto...

Colombia

Sono state difficili da digerire le parole del Ministro della Difesa Villegas rilasciate in un’intervista radiofonica lo scorso 11 gennaio: “Non c’è paramilitarismo in Colombia e accettare la sua esistenza significherebbe dare delle garanzie politiche a chi non se le merita. Ci sono assassinii ma non sono sistematici. Se lo fossero sarei il primo ad ammetterlo”.

Leggi tutto...