Settembre 2018

SITUAZIONE ATTUALE

Il mese di settembre è iniziato con la notizia che “la Fiscalia Generale della Nazione (Magistratura) ha deciso di emettere una denuncia contro 13 funzionari della multinazionale Chiquita Brands che sarebbero stati coinvolti nel finanziamento di gruppi armati illegali nella zona dell'Urabà antioquieño”.
La denuncia coinvolge Presidenti, Rappresentati legali e membri dell'Amministrazione di Chiquita Brands (di cui 5 stranieri) presunti responsabili di essere a conoscenza di pagamenti per 1,7 milioni di dollari al 'Fronte Arlex Hurtado' delle AUC.
Secondo quanto dichiarato dal Fiscal General, Nestor Humberto Martinez, la Fiscalia sarebbe stata incaricata a procedere dalla Corte Costituzionale.
Chiquita Brands avrebbe finanziato i gruppi paramilitari (AUC), organizzati nelle cooperative di sicurezza denominate CONVIVIR, attraverso le sue filiali colombiane Banadex e Banacol, per questo l'accusa è ad entrambe per delinquenza aggravata, sopra la quale ricade anche il delitto di lesa umanità, grazie al quale il processo diventa imprescrittibile.

Leggi tutto...

Agosto 2018

SITUAZIONE ATTUALE

Dopo l’insediamento ufficiale, lo scorso 7 agosto, del nuovo Presidente della Colombia Ivan Duque, un primo passo significativo sarebbe dovuto essere un pronunciamento riguardo la futura agenda politica del nuovo governo sul tema della protezione dei leader sociali.
Attraverso un’udienza pubblica, svoltasi il 23 agosto proprio ad Apartadò, Duque insieme al Procuratore generale Fernando Carillo e al Difensore nazionale del Pueblo, Negret, ha firmato, all’interno della“ Segunda Mesa por la Vida”, un patto costituito da 11 punti nel quale il governo si impegna a creare “una politica pubblica di prevenzione e protezione integrale, con obiettivi differenti, di equità, etnia e territorio” per garantire la vita e la sicurezza dei difensori dei Diritti Umani, investigando prontamente ed effettivamente sulle minacce e sugli attentati conto di loro.

Leggi tutto...

Luglio 2018

SITUAZIONE ATTUALE

In attesa dell’insediamento, il prossimo 7 agosto, del nuovo Presidente della Colombia Ivan Duque, continuano senza tregua gli omicidi di leader sociali, e Difensori dei Diritti Umani. A tal riguardo riportiamo l’articolo “Homicidios de lìderes: ataque a la democracia” di Alberto Brunori (*), rappresentante ONU per i Diritti Umani a Bogotà.
“Attaccare le persone che difendono i diritti umani è attaccare la democrazia. La propagazione degli attacchi conto le persone che esercitano la difesa dei diritti è un sintomo grave dello stato di cose in Colombia: dimostra intolleranza, produce paura, limita e annulla le libertà di pensiero e di espressione e, quel che è peggio, mostra come la violenza si impone, in molti luoghi, come un mezzo di controllo sociale. L’impunità che circonda questi attacchi aggrava la situazione, posto che, di fronte all’assenza di sanzioni ufficiali, l’ammonimento sociale si riduce e la violenza trova giustificazione. Il contesto di protezione internazionale protegge l’attività di difesa dei Diritti Umani, che può essere realizzata da qualsiasi persona, tanto in modo regolare che sporadica.

Leggi tutto...

Giugno 2018

SITUAZIONE ATTUALE

Il nuovo Presidente della Colombia è il candidato del centro destra, Ivan Duque che, domenica 17 giugno 2018, ha vinto il ballottaggio delle elezioni presidenziali con il 54,07 per cento dei voti, contro il 41,7 ottenuti da Gustavo Petro candidato della sinistra radicale.
Le posizioni espresse dai due candidati durante la campagna elettorale rappresentano due visioni totalmente opposte di come progettare il presente ed il futuro del Paese. Da un lato Ivan Duque ha in più occasioni annunciato di voler modificare alcuni dei contenuti degli Accordi di Pace come ad esempio non permettere la partecipazione politica degli ex membri delle FARC prima che compaiano di fronte alla JEP (Giurisdizione Speciale per la Pace) ed evitare che i militari vengano giudicati attraverso la stessa giurisdizione ma secondo la giustizia penale militare. Anzi, come commenta Uprimny, membro della organizzazione Dejusticia, l’annuncio del nuovo Presidente di voler rafforzare e dare più indipendenza alle forze militari, preoccupa molto le varie organizzazioni che difendono i Diritti Umani. All’agenda di Duque si aggiunge poi una sempre più ampia apertura al mercato libero e agli investimenti stranieri.

Leggi tutto...

Maggio 2018

SITUAZIONE ATTUALE

La tragedia annunciata e descritta nel report dello scorso aprile, riguardo al mega progetto della idroelettrica di Ituango tra le regioni di Antioquia e Cordoba, si è trasformata in una corsa contro il tempo per 1500 operai, nel tentativo di terminare un muro alto almeno 410 metri per impedire che le acque del fiume Cauca inondassero ed irrompessero sulla diga ancora in costruzione, spazzandola in pochi minuti. La diga è espressione di un’opera pubblica le cui basi sono state gettate, da quanto emerso in questi anni da investigazioni della Magistratura e non solo, sulla corruzione, sulla probabile mano nera dei gruppi neo paramilitari, su interessi privati di politici, tra cui sembra lo stesso Alvaro Uribe e l’ex governatore di Antioquia, Fajardo, in corsa per la Presidenza; a questi fattori si aggiungono poi l’assoluta negazione di tutti i precedenti studi geologici ed ambientali che indicavano la non fattibilità e pericolosità di tale opera.

Leggi tutto...