Una storia di solidarietà a sostegno dei più deboli

Dal 2 aprile sulle principali piattaforme di streaming online.


Cosa spinge un ragazzo di 19 anni nato e cresciuto a Taranto a lasciare tutto e dedicarsi anima e corpo ad aiutare gli ultimi nelle zone più a rischio del pianeta?

Distribuito da MINERVA PICTURES, il film documentario La Febbre di Gennaro per la regia di Daniele Cini, racconta la storia di Gennaro Giudetti, giovane tarantino di 29 anni che da dieci anni, prima come volontario poi come operatore umanitario, è impegnato ad aiutare i più svantaggiati in contesti di guerra in tutto il mondo.

Leggi tutto...

Egregio Presidente,

in occasione della prossima visita in Italia del Presidente della Repubblica di Colombia, Ivan Duque, Le scriviamo a nome di un gruppo di associazioni nazionali e internazionali impegnate nella difesa dei diritti umani e nella promozione della pace, aderenti alla rete In Difesa Di, per i diritti umani e chi li difende. La rete, nata due anni fa, è composta da oltre 30 organizzazioni non-governative attive nel campo della pace, diritti umani, ambiente, cooperazione e solidarietà internazionale.

Leggi tutto...

Giovedì 3 maggio, la Comunità Papa Giovanni XXIII ha presentato una Proposta di Pace per la Siria presso il Parlamento Europeo a Bruxelles. Una delegazione di volontari della Comunità di don Benzi, insieme ad un rappresentante dei profughi siriani, Sheik Abdo, hanno incontrato un gruppo di europarlamentari tra cui Cécile Kyenge, Silvia Costa, Elly Schlein. Alle eurodeputate è stato chiesto sia di facilitare la diplomazia per la promozione di questa soluzione, sia di monitorare affichè siano garantiti i diritti fondamentali degli attivisti siriani.

«Noi siriani profughi in Libano, non abbiamo altra possibilità di vita che la creazione di una Zona di Sicurezza in Siria - ha affermato Sheik Abdo - perché in Libano non è possibile rimanere, mentre in Europa non è possibile andare».

Leggi tutto...

Roma 19 dicembre 2017 ore 11:30
Sala caduti di Nassirya presso il Senato della Repubblica

«Gli uomini hanno sempre organizzato la guerra. È arrivata l’ora di organizzare la pace» (Don Oreste Benzi)

Intervengono:

Francesca Puglisi, Senatrice

Giovanni Paolo Ramonda, Presidente Comunità Papa Giovanni XXIII

Gianfranco Cattai, Presidente Focsiv - Volontari nel mondo

don Renato Sacco, coordinatore Pax Christi Italia

Michele Tridente, vicepresidente Azione Cattolica Italiana

Marco Mascia, docente in relazioni internazionali Università di Padova

Nicola Lapenta, responsabile Servizio Civile Comunità Papa Giovanni XXIII

Testimonianza di Beppe Fiorello, attore.
Nei diversi ruoli che ha scelto di interpretare c'è una carica positiva che è in linea col senso della proposta del Ministero della Pace. Ha una sensibilità particolare verso i temi e in diverse interviste ha evidenziato come la pace si costruisca non in grandi proclami, ma con gesti concreti che ognuno di noi può compiere.

La Campagna “Ministero della Pace, una scelta di governo” nasce dall’idea che le istituzioni debbano costruire la pace insieme alle forze della società civile che già da anni si spendono sul campo, in Italia e all’estero, con gli strumenti del dialogo e della nonviolenza. Queste forze hanno bisogno di un riferimento. In un mondo nuovo, globalizzato, interculturale, dove i confini sfumano, c’è bisogno di una nuova visione, di un modello di organizzazione istituzionale innovativo.

Comunicato Stampa - 31/10/17
«La Pace sia insegnata nelle scuole»

«Chiedo al prossimo governo di istituire un Ministero della Pace», ha dichiarato Giovanni Paolo Ramonda, Presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII, ad "Una vita per amare", il convegno, al Palacongressi di Rimini, organizzato per celebrare il decennale dalla morte di don Oreste Benzi, fondatore della associazione APG23.

«Un Ministero che favorisca la cultura della Pace che deve diventare un insegnamento nelle scuole – ha aggiunto Ramonda – Il prossimo governo deve avere il coraggio di chiudere le produzioni militari e trasformarle in aziende normali».
«È una richiesta che fece Don Benzi 15 anni fa. La riproponiamo noi oggi, in linea con quanto Papa Francesco ha recentemente ricordato sul rischio di suicidio che l’umanità corre con il nucleare».

Alla giornata di studi e testimonianze per approfondire la figura del “prete dalla tonaca lisa” hanno preso parte seimila persone. Hanno partecipato al confronto pubblico la Segretaria della CISL, Annamaria Furlan, Matteo Truffelli, presidente di Azione Cattolica, Gigi de Palo, presidente Forum delle Famiglie, Marco Impagliazzo, Presidente della Comunità di Sant’Egidio, Matteo Spanò, presidente degli scout dell'Agesci.

Le foto e gli approfondimenti saranno caricati al link: Una vita per amare

 

Ufficio stampa: Luca Luccitelli, 340.5475343