Operation Dove - English Operazione Colomba - Espanol

FORMAZIONE

27 NOV - 1 DIC '17
Rimini

Bando Formazione
Modulo di partecipazione

REPORT

Le attività dei volontari:
AGOSTO 2017

LINKS




Servizio Obiezione e Pace - APG23
Servizio Obiezione e Pace

Antenne di Pace

 

Devolvi il tuo 5x1000

CAMPAGNA

Sostieni
Operazione Colomba

Adotta un volontario

BLOGS


PALESTINA/ISRAELE


ALBANIA 2016:
LA RICONCILIAZIONE
SI REALIZZA INSIEME!

CAMPAGNE



Israele: "dichiarazione di rifiuto"
Martedì 17 Ottobre 2006 12:11

Pubblichiamo di seguito la "dichiarazione di rifiuto" di Omri Evron, refusenik israeliano, con la quale - violando le leggi israeliane - rifiuta di servire l'esercito nei Territori Occupati. Per questo motivo sarà incarcerato, come altre migliaia di giovani israeliani che si oppongono alla logica della violenza e dell'occupazione.


Dichiarazione di rifiuto

Omri Evron, Tel Aviv 12 Ottobre 2006
Io, Omri Evron, rifiuto di servire nell'esercito perché intendo restare fedele ai principi morali in cui credo. Il mio rifiuto di arruolarmi è un atto di protesta contro l'occupazione militare protratta del popolo palestinese, un'occupazione che approfondisce e fortifica l'odio e il terrore fra i popoli. Mi oppongo alla partecipazione alla guerra crudele per il controllo dei territori occupati, una guerra condotta per proteggere le colonie israeliane e per mantenere l'ideologia della 'Grande Israele'. Rifiuto di servire un'ideologia che non riconosce il diritto di tutte le nazioni all'indipendenza e alla coesistenza pacifica. Non sono preparato a contribuire in alcun modo all'oppressione sistematica di una popolazione civile e alla privazione dei suoi diritti, così come essa viene effettuata dal regime dell'apartheid e dalle truppe israeliane nei territori occupati. Sono sdegnato per l'incarcerazione di milioni di persone dietro muri e checkpoint, e per la fame che ne consegue. Mi rifiuto di arruolarmi perché non credo che la violenza sia una soluzione e che la guerra porti la pace.

Leggi tutto...
 
Corso per mediatori internazionali di pace: Bertinoro 2006
Giovedì 27 Luglio 2006 12:20
Provincia Forlì-Cesena Assessorato al Welfare Pace e Diritti Umani - Comune di Bertinoro - Regione Emilia-Romagna Assessorato alla Promozione delle politiche sociali e di quelle educative per l'infanzia e l'adolescenza Politiche per l'immigrazione Sviluppo del volontariato, dell'associazionismo e del terzo settore - Polo Scientifico Didattico di Forlì dell’Università di Bologna - COPRESC Coordinamento Provinciale degli Enti di Servizio Civile Forlì-Cesena

BERTINORO 2006

Obiettivo del Corso
L'obiettivo che ci si propone è quello di fornire i primi strumenti di base per persone interessate a studiare e sperimentare modalità di soluzione nonviolenta dei conflitti anche a livello internazionale attraverso lo strumento dei Corpi civili di Pace. Il corso si propone dunque di fornire le adeguate conoscenze teorico/pratiche legate ad interventi civili nelle aree di conflitto e di migliorare le capacità operative nella gestione dei conflitti.

Leggi tutto...
 
Nord Uganda: le trattative di pace
Sabato 30 Settembre 2006 11:28

Le trattative di pace che si stanno svolgendo a Juba e che sono iniziate il 14 luglio, rischiano di subire in questi giorni una battuta di arresto.
I ribelli che dal 30 agosto al 19 settembre si sarebbero dovuti radunare nei due campi di Ri-Kwangba e Owiny-Kibul in Sudan, sembra che si stiano muovendo di nuovo.

La data fissata dal governo per il raduno dei ribelli nei due campi allestiti dalle agenzie umanitarie e dal governo del Sud Sudan è stata abbastanza rispettata; intorno al 20 settembre, infatti, fonti giornalistiche e governative hanno annunciato la presenza nell'area di Ri-kwangba anche del leader dei ribelli Joseph Kony.
L'UPDF (esercito regolare ugandese) ha fin dai primi giorni presentato su tutti i mezzi la bandiera bianca della tregua e seguito gli spostamenti dei ribelli verso i punti di raccolta, iniziando una manovra di accerchiamento che ha portato alla fine a creare un cordone intorno alle forze ribelli per evitare danni alla popolazione e per spingerli a continuare con i trattati di pace. I ribelli invece non si sono resi colpevoli di atti spiacevoli verso cose o persone durante i loro spostamenti a nord, anche perché aiutati per il cibo e altre necessità da alcune agenzie umanitarie e spesso dagli stessi abitanti.


Leggi tutto...
 
"Reso umile dall'amore di Operazione Colomba"
Mercoledì 06 Settembre 2006 18:13

Articolo di Padre Carlos Rodríguez sulla presenza di Operazione Colomba in Nord Uganda

Cosa porta un giovane, brillante, laureato europeo a lasciare una vita comoda per trascorrere mesi a scavare senza paga nei campi dei rifugiati (internal displaced people (nota1)) del nord Uganda? Dallo scorso anno mi pongo questa domanda ogni volta che vedo i quattro volontari che lavorano nella mia parrocchia, a Minakulu-Bobi nel distretto di Gulu, tirare su le loro zappe e accompagnare alcuni dei rifugiati nei dintorni, nel loro lungo quotidiano viaggio per la sopravvivenza .
Due anni fa incontrai un gruppo di entusiasti italiani dell'Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII che erano venuti per visitare il Nord Uganda e per avere una testimonianza di prima mano circa le condizioni di vita delle persone.
Per un buon numero di anni ho visto molti gruppi simili a questo. La maggior parte di essi viene per qualche giorno, scatta fotografie, mostra compassione e va via. Forse continuano il rapporto per un po'  mandando soldi per supportare qualche progetto. I giovani della Giovanni XXIII avevano intenzioni diverse. Dissero di voler stare in un campo per rifugiati. “Vogliamo vivere con le vittime delle guerra” mi dissero “ma tutti quelli che abbiamo incontrato ci hanno detto che è impossibile”. La mia risposta fu : “Non è impossibile, è solo scomodo”.

Leggi tutto...
 
Nord Uganda: la difficile strada verso la pace
Sabato 02 Settembre 2006 22:15

Sabato 26 agosto 2006 è diventata una delle date storiche per l'Uganda.
Nella giornata di sabato 26, infatti è stato siglato l'accordo per una tregua che ha avuto effettivo inizio alle 6.00 di martedì 29 agosto e che dovrebbe, secondo il piano di cessazione delle ostilità, portare nel giro di breve tempo alla pace.
Questo è il frutto del lavoro diplomatico portato avanti sul tavolo delle trattative in Juba (Sudan) e tanto auspicato dalle decine di osservatori esterni, mediatori e spettatori nel teatro di questo conflitto in atto da più di 20 anni.

Leggi tutto...
 
Manifestazione contro il Muro a Bi'lin: feriti attivisti israeliani e internazionali
Venerdì 25 Agosto 2006 20:33

COMUNICATO STAMPA
Manifestazione nonviolenta contro il Muro a Bi'lin repressa dai soldati israeliani.
Ferito volontario italiano di Operazione Colomba.

Oggi, 25 agosto 2006, nei pressi del villaggio palestinese di Bil'in si è svolta - come consuetudine ogni venerdi - la manifestazione nonviolenta contro il muro di separazione che si sta costruendo sul terreno palestinese del villaggio stesso.
Il corteo composto da 200 persone circa, tra cui internazionali e pacifisti israeliani, è partito intorno alle 14 ora italiana.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 201 202 203 204 Succ. > Fine >>

Pagina 201 di 204
 
Joomla Templates: by JoomlaShack