Operation Dove - English Operazione Colomba - Espanol

FORMAZIONE

13 - 17 MARZO '17
Rimini

Bando Formazione
Modulo di partecipazione

REPORT

Le attività dei volontari:
MARZO 2017

LINKS




Servizio Obiezione e Pace - APG23
Servizio Obiezione e Pace

Antenne di Pace

 

QUALE FRASE VORRESTI VEDERE SULLA PROSSIMA MAGLIETTA DI OPERAZIONE COLOMBA?

"Non possiamo pretendere che le cose cambino, se continuiamo a fare le stesse cose" (Albert Einstein) - 14.6%
"Il futuro dipende da ciò che facciamo nel presente" (Gandhi) - 20.3%
"Sembra sempre impossibile, finché non viene fatto" (Nelson Mandela) - 39.2%
"Il futuro non è scritto" (Joe Strummer) - 25.9%
Il sondaggio è finito

CAMPAGNA

Sostieni
Operazione Colomba

Adotta un volontario

BLOGS


PALESTINA/ISRAELE


ALBANIA 2016:
LA RICONCILIAZIONE
SI REALIZZA INSIEME!

CAMPAGNE



  •  Appello alla Pace dei profughi siriani in Libano
    Appello alla Pace dei profughi siriani in Libano
Training di formazione per volontari
Lunedì 27 Febbraio 2006 18:02
Ci sono persone che lavorano 24 ore su 24 per continuare le guerre. Siamo pochi e forse possiamo fare poco ma se credi che abbia un valore immenso "esserci" e "fare",
Se credi che la pace si costruisca con l'incontro, la condivisione diretta con le persone costrette a subire la violenza dei conflitti armati e sociali e la coerenza della proposta nonviolenta, Se credi che sia fondamentale dare un segnale di speranza a queste persone e a tutte quelle che portano avanti una lotta nonviolenta per la pace, anche per un breve periodo,
Se credi in un'esperienza ed in relazioni così forti che sono una formazione per tutta la vita, Se credi in questo cammino comunitario,
Stiamo preparando la formazione per volontari per l'Operazione Colomba:

 

Training di formazione per volontari a breve termine
Rimini, 8-12 Maggio 2006

Training di formazione per volontari a lungo termine
Rimini, 8-27 Maggio 2006

e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Tel: 0541 751498

 
Nuova aggressione ad un volontario di Operazione Colomba
Giovedì 17 Febbraio 2005 17:59

Ancora un agguato ai danni di volontari internazionali

Nella mattina del 16 febbraio volontari italiani di Operazione Colomba e americani del Christian Peacemaker Team (CPT) sono stati aggrediti da un gruppo di 5 coloni israeliani discesi dal vicino insediamento di Ma'on, in Cisgiordania (South Hebron Hills).

RACCONTO DELL'AGGRESSIONE
COMUNICATO STAMPA OPCOL - 16.02.05
PRESS RELEASE OPCOL - 16.02.05
COMUNICATO STAMPA OPCOL - 24.02.05
INTERROGAZIONE PARLAMENTARE ON. PREDA
INTERROGAZIONE PARLAMENTARE SEN. MARTONE
SOLIDARIETA' DALLE ONG ITALIANE IN PALESTINA

 
South Hebron Hills: pecore avvelenate a Tuwani
Martedì 19 Aprile 2005 18:00
L'area confina con l'outpost israeliano di Havat Maon

:: Comunicati Stampa ::
23 mar 05- PASCOLI AVVELENATI, SOSPETTI SUI COLONI NAZIONAL-RELIGIOSI DA HAVAT MAON E DA MAON
01 apr 05 - PASCOLI AVVELENATI: AGGIORNAMENTI DA TUWANI
06 apr 05 - PASCOLI AVVELENATI: SCOPERTO NUOVO TIPO DI VELENO

:: Rassegna Stampa ::
Il Manifesto - Veleno israeliano in terre palestinesi?
Jerusalem Post - Who poisoned sheep at outpost?
Amin.org - Tuwani: Poison Pellets Kill More Sheep
Scoop.co.nz - Palestine - Settler Poison Phenomenon Spreads
ElectronicIntifada.net - Falling through the Looking Glass in Hebron

 
Nel cuore malato dei Balcani
Martedì 07 Dicembre 2004 17:56
 Dossier Kossovo

Missioni Consolata ha pubblicato un dossier sulla situazione in Kossovo.
Potete leggerlo direttamente seguendo i link sotto riportati:

Scheda geopolitica
Le organizzazioni
Enclaves? No, ghetti.
L'anello mancante
Diario: Come una prigione a cielo aperto
Vivere a Goradzevac
Scheda storica
Nel bus dei kossovari
Le missioni internazionali in Kossovo

 
Il caso delle South Hebron Hills
Venerdì 22 Ottobre 2004 17:55

Saleh, Miriam, Yussef, Tarek, Safieh ogni giorno per andare a scuola fanno almeno 5 chilometri a piedi o a dorso di asino.
Come del resto molti altri bambini che abitano in questa area detta South Hebron’s Hills. Un area semidesertica abitata da decine di piccoli nuclei familiari sparsi tra le colline, a volte distanti chilometri tra loro, tutti composti da grotte millenarie in cui ci si ripara dall’estate arida e dall’inverno rigido. Tutti pastori beduini e agricoltori in un economia spesso di sussistenza, cosi puo’ capitare di notare a volte i segni della malnutrizione nei visi di alcuni bambini, come per esempio sul viso di Miriam (7 anni). Ma Saleh, Miriam, Yussef, Tarek, Safieh in passato andavano alla stessa scuola camminando per 2 chilometri scarsi. 


La foto ritrae i cinque uomini incappucciati
responsabili dell'aggressione ai danni di un nostro
volontario a sud di Hebron lo scorso 9 ottobre.

Leggi tutto...
 
Agguato contro volontari internazionali
Venerdì 09 Giugno 2006 17:54
 Ferito un nostro volontario

Dopo l'agguato avvenuto lo scorso 29 settembre ai danni di due americani membri del Cpt e dopo le minacce e il lancio di sassi ai danni dei nostri volontari, oggi un nostro volontario è rimasto ferito in seguito ad una nuova aggressione da parte di uomini a volto coperto, in prossimità dell'insediamento israeliano di Ma'on, in Cisgiordania. Il gruppo dei volontari, composto da volontari internazionali e da israeliani di Ta'ayush e Amnesty, avevano scortato i bambini palestinesi del villaggio di Tuwani, sulle colline a sud di Hebron, che ogni giorno subiscono intimidazioni e minacce da parte dei coloni.

Per saperne di più:

Sull'agguato di oggi:
COMUNICATO OPERAZIONE COLOMBA - 9.10.04
RASSEGNA STAMPA: L'Espresso | Repubblica | Kataweb | Il Resto del Carlino | Eco di Bergamo | La Nazione | AlJazira.it

Sull'aggressione dello scorso 29 settembre:
COMUNICATO OPERAZIONE COLOMBA 29.09.04
COMUNICATO CHRISTIAN PEACEMAKER TEAM 29.09.04
RASSEGNA STAMPA: Jerusalem Post | Haaretz Daily | Reuters News Service | Palestinian Information Center | BBC News

Altri comunicati:
MINACCE AI VOLONTARI 30.09.04
SASSI CONTRO I NOSTRI VOLONTARI 07.10.04

 
<< Inizio < Prec. 191 192 193 194 195 196 197 Succ. > Fine >>

Pagina 197 di 197
 
Joomla Templates: by JoomlaShack