SITUAZIONE ATTUALE

Dall'aprile 2014, scaduti gli 8 anni di reclusione concessi ai paramilitari che si erano smobilitati nell'ambito della cosiddetta “Ley de Justicia y Paz” (Ley 975/05), decine di ex paramilitari detenuti nelle carceri colombiane stanno tornando in libertà; molti di loro sono stati fra i maggiori criminali nella storia del Paese.

Leggi tutto...

SITUAZIONE ATTUALE

L'aspettativa della fine degli accordi di pace è sempre molto alta ma di fatto le notizie che ufficialmente giungono all'opinione pubblica sono davvero poche.
Da studi approfonditi fatti da analisti che raccolgono informazioni e testimonianze da tutte le zone del Paese, appare invece certo che “l'ombra” dietro alla quale si celano le poche notizie sul proseguo delle trattative nasconda nodi e problematiche di portata enorme e di difficile soluzione.

Leggi tutto...

SITUAZIONE ATTUALE

La Commissione Interecclesiale di Giustizia e Pace di Bogotá (Ong che opera come organizzazione per la difesa dei diritti umani accompagnando diverse comunità di resistenza civile in tutto il Paese) è attualmente impegnata con una presenza costante in una zona umanitaria presso Puente Nayero nella provincia di Buenaventura (regione del Valle del Cauca).

Leggi tutto...

SITUAZIONE ATTUALE

La Colombia non aveva mai avuto una elezione che avesse diviso così tanto i colombiani come quella dello scorso 15 giugno. Nel Paese oggi molte famiglie vivono uno scontro tra i sostenitori di Santos e l'opposizione Uribista rappresentata da Zuluaga, in altre parole tra antiuribismo e uribismo. Una particolarità della campagna presidenziale è stato il livello di esagerazione e quasi di isteria con la quale gli uribisti hanno perseguito i santisti e viceversa.

Leggi tutto...

SITUAZIONE ATTUALE

Dopo una campagna elettorale per lo più in sordina, senza dibattiti seri e proposte interessanti, concrete e credibili per risolvere i vari problemi che affliggono il Paese, il 25 maggio 2014 quasi 45 milioni di colombiani sono stati chiamati alle urne per esprimere la propria preferenza a chi, per i prossimi 4 anni, dovrebbe rappresentarli e guidarli.

Leggi tutto...