CAMPAGNA

Sostieni
Operazione Colomba

Adotta un volontario

Proteggere i Difensori dei Diritti Umani internazionali in Colombia PDF Stampa E-mail
Lunedì 20 Marzo 2017 15:05

Colombia
Sottoscrivete l'appello del nostro partner colombiano Sembrando Paz!

L'Associazione colombiana Sembrando Paz ha lanciato un Appello per assicurare la sicurezza dei volontari internazionali di #OperazioneColomba e garantire l’attività di accompagnamento dei membri della Comunità di Pace di San José de Apartadó, Colombia.
“Secondo fonti attendibili” si legge nell'appello, “membri delle Forze Armate in Urabá hanno aperto un’indagine" che potrebbe arrivare a mettere in discussione anche la presenza stessa di Operazione Colomba nel Paese.

In questo momento particolarmente difficile, i gruppi di scorta civile internazionale sono fondamentali per NON lasciare sola e scoperta la Comunità di Pace San Josè de Apartadò, unico baluardo di resistenza pacifica e nonviolenta all'avanzata paramilitare e unica voce in grado di levarsi per denunciare fino in fondo quanto sta accadendo nell'area.
Insieme al nostro partner colombiano Sembrando Paz, vi chiediamo pertanto di sottoscrivere questa petizione a sostegno in particolare del lavoro di Operazione Colomba, ma in generale di tutto il lavoro di osservazione internazionale.

Per firmare l'Appello (versione originale in inglese), clicca qui

----------
Segue la traduzione dell'Appello in italiano:

Proteggere i Difensori dei Diritti Umani internazionali in Colombia
Petizione di Sembrandopaz

Da consegnare a Juan Manuel Santos, Presidente della Colombia, Paula Gaviria, Consigliere del Presidente per i Diritti Umani, Maria Angela Holguin, Ministro degli Affari Esteri, Luis Carlos Villegas, Ministro della Difesa, Jorge Eduardo Loñono, Ministro della Giustizia, Carlos Alfonso Negret Mosquera, Mediatore Nazionale per i Diritti Umani, Fernando Carrillo Florez, Procuratore Generale, e Nestor Martinez Neira, Procuratore Nazionale.

Vi chiediamo di sostenere la sicurezza dei volontari internazionali di Operazione Colomba e di SembrandoPaz e di garantire la loro libertà di continuare l’accompagnamento umanitario integrale alla Comunità di Pace di San José di Apartadó, Colombia.

Le volontarie internazionali Monica Puto e Silvia De Munari, operatrici italiane laiche cattoliche impegnate in conformità alla Dottrina Sociale della Chiesa in un'azione nonviolenta, lavorano con Operazione Colomba, Corpo Nonviolento di Pace della Comunità Papa Giovanni XXIII, e con Sembrando Paz, una organizzazione colombiana di Pace e Giustizia, nella Comunità di Pace di San José di Apartadó.
La Comunità di Pace, situata nella regione dell’Urabá, conosciuta per l’alto tasso di violenza perpetrato da molteplici attori armati, conta oltre 500 contadini. In opposizione a tale violenza, la Comunità nel 1997 si autodichiarò territorio neutrale e da allora resiste in maniera nonviolenta. Nonostante questa neutralità, nel corso del conflitto, sono stati assassinati più di 200 membri della Comunità dai diversi attori armati.
Nelle aree precedentemente controllate dal gruppo guerrigliero delle FARC-EP, in seguito ai recenti accordi di pace e al loro spostamento nelle aree di transizione, si registra un vuoto di potere.
Monica e Silvia, insieme ad altre organizzazioni nazionali e internazionali, hanno constatato la presenza di gruppi armati illegali o neo-paramilitari, mentre il Governo insiste nel negare l’esistenza del paramilitarismo e le forze armate colombiane operano nella stessa area di monitoraggio.
Secondo fonti attendibili, membri delle Forze Armate in Urabá hanno aperto un’indagine contro le due volontarie e stanno pianificando attraverso gli uffici dell’immigrazione una revisione del loro visto, allo scopo di ostacolare il proseguo del loro lavoro di accompagnamento alla Comunità di Pace di San José di Apartadó.
Operazione Colomba è presente in Colombia dal 2009, in partnership con SembrandoPaz.
I volontari hanno una presenza permanente all’interno della Comunità di Pace, accompagnano i leader e i membri nei loro spostamenti tra le varie aree della Comunità e nella città di Apartadó.
La loro presenza permanente permette ai membri della Comunità di sentirsi più sicuri nelle loro terre.
I volontari di Operazione Colomba affrontano rischi quotidiani e privazioni materiali, contribuiscono alla riduzione della violenza e degli sfollamenti forzati, accompagnano le persone sfollate nel processo di riappropriazione delle loro terre, e proteggono leader e membri della Comunità di Pace permettendogli di svolgere le attività quotidiane.
Operazione Colombia, come il suo Partner SembrandoPaz, lavora con comunità della costa caraibica colombiana, vittime del conflitto armato, al fine di una riconciliazione pacifica e della costruzione di un futuro migliore. Ciononostante, coloro i quali si sono opposti al Processo di Pace con il gruppo guerrigliero delle FARC-EP, hanno stigmatizzato il lavoro di Operazione Colomba, definendo l’Associazione “una lobby delle FARC”, e mettendo in tal modo a rischio la vita e l’operato dei suoi volontari.
I Difensori dei Diritti Umani e i promotori della pace non possono restare in silenzio di fronte a questa ingiuria contro gli accompagnanti internazionali, come Monica e Silvia.

FIRMA LA PETIZIONE, QUI

 
 
Free Joomla Templates: by JoomlaShack